A COMPAGNA

Piæ câde e bén scioæ

L'attuale dirigenza
Rassegne fotografiche
I prossimi "Martedì"
L'archivio dei "Martedì"
I Venerdì de A Compagna

Concorsi

XXXIX Lauro d'Oro

Chi siamo

Statuto

Statuto del 1923
Statuto del 1954
Statuto del 1960
Statuto del 1963
Statuto del 1972-1991
Statuto del 2009 - VIGENTE
Regolamento elettorale 1982
Modifiche del 1992 al
Regolamento

Regolamento provvisorio 2011
- VIGENTE

Confronto tra gli statuti
Curiosità: associazioni
nate da A Compagna
«Pro Liguria» (terminata)
I Montagnin de A Compagna

Organi

Parlamento
Consolato
Consulta
Console Generale alla
Presidenza

Gran Cancelliere
Tesoriere Cassiere
Collegio dei Probiviri
Collegio dei Revisori

Sede

Curiosità:
Inaugurazione sede a Paxo
La cacciata da Paxo
La promessa del ritorno

Insegne

Gonfalone
Bandiera con il Grifo
Tessera sociale
Distintivo col Grifo rosso

Iniziative

Periodiche
O Confeugo
Dodici Ottobre
Cinque - Dieci di Dicembre
I Martedì de A Compagna
I Venerdì de A Compagna
I Premi de A Compagna
Crescere in Compagnìa
Straordinarie
O Campanon de Paxo
Lapidi commemorative
Bibliografia Dialettale Ligure
Pubblicazioni
Altre iniziative
I nostri santi

Per associarsi

Clicca qui
 

[ Le nostre precedenti sedi ] [Il ritorno a «Päxo»]

La nostra sede si trova in Piazza della Posta Vecchia 3/5, telefono n. 010-246.99.25. L'edificio è composto da due corpi, ora uniti e qui descritti.

Il prospetto del palazzo che ci ospita

  • Palazzo di Paolo Giustiniani
    piazza della Posta Vecchia 3
    Sulla incerta vicenda lottizzativa dell'isolato esiste un'ipotesi recente, che la genealogia proprietaria sembrerebbe confermare, in attesa di un rilievo totale con cui ripartire il palazzo in esame da quello (adiacente) di Agostino De Franchi. Oggi sappiamo che, a partire dal 1588, il palazzo con porta sulla piazza appartiene a Stefano Giustiniani quondam Paolo, cioè alla famiglia che lo terrà fino al 1744, al tempo dell'accorpamento con il palazzo contiguo e delle sopraelevazioni. In seguito passerà ai Lercari e, per eredità, a Cristoforo Lercari nel 1798. L'edificio attuale si presenta come un solo corpo, a bucature esterne uniformi. Nel salone al primo piano (sala delle conferenze della nostra associazione) vi sono affreschi (molto trascurati) di Luca Cambiaso con «Storie di Enea e Didone».
  • Palazzo di Agostino De Franchi
    già via della Posta Vecchia / vico Vignoso
    Secondo i documenti la dimora di Agostino De Franchi (ramo dei Bulgaro) viene edificata nel 1565 ad opera di Bernardino Cantone e, forse, di G. B. Castello cui si deve anche un progetto di quadratura ad affresco (e stucco?). La trasformazione iniziale dell'isolato documenta l'ampiezza del rinnovo avviato nelle aree Spinola e De Franchi dopo i modelli di Strada Nuova (oggi via Garibaldi) profittando della «curia» dei Pevere - antichissima piazza nobiliare - dove era una torre degli Embroni che sorgeva su un angolo del nostro isolato, demolita per l'occasione (1544). Del resto Agostino, onorato da più cariche pubbliche ed eletto senatore nel 1584 è - come racconta Giulio Pallavicino - uno ricco di 160.000 scudi, influente in città e fuori, che sposa il figlio Gio. Cristoforo con una figlia di Pagano Doria (9000 scudi aurei di dote). La residenza, come proprietà di Agostino De Franchi, è annoverata in tre rolli (1576/2, 1588/3, 1599/3).

La struttura interna del palazzo

[inizio pagina]

Le nostre precedenti sedi

Dalla sua fondazione A COMPAGNA ha occupato varie sedi. Con grande soddisfazione, nel 1970 riesce ad avere la propria sede nella storica Loggia degli Abati in Palazzo Ducale. Da lì fu allontanata nel 1988 e a tutt'oggi non ha ancora ottenuto una sede adeguata e definitiva.

Ecco la storia delle nostre precedenti sedi.

  • Al suo nascere, la Segreteria provvisoria è ospitata presso la direzione del periodico «Successo» in via David Chiossone 6.
  • Dal 28 aprile 1924 il Sodalizio ha sede in Campetto al n. 7.
  • Il 31 marzo 1930 si trasferisce in via San Luca al n. 12.
  • Due anni dopo, nel 1932, ottiene una sistemazione definitiva in via Ettore Vernazza al n. 9, fin quando la sede dovrà essere abbandonata a causa dei bombardamenti aerei del 22 ottobre e del 15 novembre 1942.
  • Nel dicembre 1945, l'attività riprende tra le «rovine», dell'ex ospedale di Pammatone
  • Nel 1961 bisogna traslocare, causa la totale demolizione dello storico edificio. Il Comune promette allora il rientro a Palazzo Ducale. Un articolo apparso su «Il Secolo XIX» di venerdì 10 febbraio 1961 annuncia ai Genovesi che la sede de A COMPAGNA sarà ospitata nella Loggia degli Abati. Nell'aprile 1961 il Presidente del Sodalizio, G.B. D'Oria, indice una sottoscrizione per il restauro dei locali.
  • In attesa del trasferimento a «Päxo» A COMPAGNA trova alcune sistemazioni temporanee e provvisorie.
    • All'inizio la sede viene ospitata presso la Confederazione Italiana Dirigenti d'Azienda (C.I.D.A.) in via Interiano al n. 3/6.
    • Cinque anni dopo i soci affittano due locali in Campetto al n. 10.
    • Quindi nel 1968 è accettata l'offerta del Comune di locali siti in via XX Settembre nell'ex Convento della Consolazione. È la penultima tappa di un lungo pellegrinaggio.
  • Il 25 maggio 1970 A COMPAGNA prende possesso della Loggia degli Abati del Popolo in «Päxo» in via Tomaso Reggio. Molte illustri personalità hanno partecipato alla cerimonia di inaugurazione.
  • Dodici anni dopo, nel 1982, il Comune delibera la ristrutturazione di tutto il complesso «de Päxo». Ai primi di maggio del 1982 A COMPAGNA deve lasciare, sia pure provvisoriamente, la storica sede e trasferirsi in altra parte del Palazzo Ducale, (precisamente a Palazzo Ducale, piazza Matteotti 5, piano terra) in locali - ad onor del vero - abbastanza spaziosi e con agevole ingresso anche dalla parte di piazza De Ferrari.
  • Decisi dal Comune nuovi interventi edilizi a Palazzo Ducale, il 20 giugno 1988 viene sfondata la porta della sede: A COMPAGNA viene scacciata da «Päxo».
  • Nell'autunno del 1988 l'Associazione si trasferisce in piazza della Posta Vecchia 3/5 al piano nobile dell'antico palazzo De Franchi, convenientemente restaurato dal Comune di Genova.

[inizio pagina]

Il ritorno a «Päxo»

  • Il completamento dei lavori di restauro di Palazzo Ducale e la concessione al consorzio «Palazzo Ducale» sono stati disciplinati dalla delibera del Consiglio Comunale di Genova n. 707 del 20 giugno 1991. In tale delibera vengono indicati gli spazi destinati a sede de A COMPAGNA a «Päxo».
  • Il Secolo XIX di mercoledì 22 aprile 1992 annuncia che il 14 maggio Palazzo Ducale riapre le porte ai genovesi. Nell'articolo si afferma che i nuovi inquilini saranno soprattutto biblioteche, tra cui è esplicitamente indicata quella de A COMPAGNA.
  • Con lettera prot. n. 591/SP del 21 gennaio 1993, il sindaco Claudio Burlando si impegna ad far individuare lo spazio di Palazzo Ducale necessario per A COMPAGNA.
  • A tutt'oggi A COMPAGNA non ha la propria sede a Palazzo Ducale.

[inizio pagina]

La biblioteca
"Ezio Baglini"

Come utilizzarla
Catalogo (formato excel)

La rivista de
A Compagna

Che cos'è
Indice (formato excel)

Archivio anno in corso
Archivio: 2016 | 2015 | 2014 | 2013 | 2012 | 2011 | 2010 | 2009 | 2008 | 2007

Breve storia

Cos'è « A Compagna »
« A Compagna » su PrimoCanale
Novantennale de
« A Compagna »

I Premi

Cosa sono
Regolamento PREMI
Tutti i vincitori dei Premi

Cose utili

Il logo de A Compagna
Il sito usa questi due font:
per scaricarli clicca sul link

font Georgia
font Anglican

Curiosità

La "Home Page" storica
Il Secolo XIX del 14-3-2001
Recensione del sito

A Compagna su FaceBook

Link

Grafîa oficiâ
Problemi di grafia
Proposte sulla grafia
Monete genovesi
Storia di Liguria
Cose di Genova e di Liguria
I trallalero su YouTube