posta@acompagna.org

[ Indietro ]

A Compagna > Fotografie > 4 Dicembre 2009

Clicca qui per leggere la locandina in formato pdf

Con il patrocinio di Regione Liguria, Provincia di Genova e Comune di Genova
A Compagna e Berio Eventi hanno presentato

Il Presepio nel Genovesato
la Comunit di fronte allEvento

Immagini, parole e musica

Testo di Marcella Rossi Patrone

(clicca sulla fotografia per ingrandirla)

  F. Morchio M. Dacc - M. Rossi Patrone

Onorata dalla presenza dellassessore alla cultura della Regione Liguria Fabio Morchio, dallospitalit della Civica Biblioteca Berio, da un pubblico partecipe e preparato, venerd 4 Dicembre 2009 A Compagna ha presentato una conferenza spettacolo dedicata al presepio.

Come ha ben evidenziato il gran cancelliere Maurizio Dacc, il periodo dAvvento si aperto con una manifestazione genovese che dimostra attenzione alla storia ed allattualit, in sintonia con limpegno delle istituzioni, espresso dallassessore Morchio.

Pubblichiamo allora i contenuti della conferenza spettacolo.

A. Patrone   M. Angelini

Cos ne I Vangeli di Sandro Patrone:

Segondo a Storia tutto l iniiu
quande un Angeo, mandu da-o Paddre Eterno,
a-a Vergine Maria o s presentu
mentre che stava pe fin linverno:
e inte quattro e quattreutto o gh anoniu
(comme scrto San Lucca in sci quaderno)
che risultando a megio de ogni donna
a sai stta nomin Madonna.

L a s scit un pitn pe questo fto,
ma apenn-a che langto o l fino
in segno de obediensa a te gh dto
o benestare a sta Voent de Dio.
E Gabriele, quindi, o se n andto
perch o doveiva termin o s go
vixitando un banc, spozo promisso
da futra Mam do Croxefisso.

Stava pe avixinse o lieto evento,
quandecco che inte feste de Natale
da Romma ven prescrto o censimento
de tutto quanto o popolo inperiale.
Maria e Gixppe fan trasferimento
a Betlemme; e chi nasce lInmortale
che pe no comens con na vitia
o se sceglie pe chinn-a a mangiatoia.

La parola presepio significa mangiatoia e comunemente indica la rappresentazione della nascita di Cristo, deposto appena nato nella greppia di una stalla.

Da secoli scultori in legno e figurinai rappresentano levento con statuine di materiale povero o pregiato: alcuni si attengono alla semplicit evangelica, altri creano una vera e propria scenografia dellumanit di fronte alla speranza di un Dio bambino, povero e indifeso, di fronte ad un messaggio tanto chiaro e sconvolgente da costituire un impulso di fede. unumanit colta nei suoi aspetti pi aristocratici, che fanno capo ai Re Magi e a quelli pi umili, che fanno capo ai pastori.

A Genova il presepio ha tre manifestazioni: quella aristocratica, quella popolare e quella familiare.

Massimo Angelini, scrittore esperto di cultura contadina e autore di un tradizionale lunario, ha evidenziato quanto da secoli sia presente in Liguria lespressione popolare del presepio.

C. Marchetti   Pubblico

Preceduta dallemozionante canto corale Adeste fideles, Carla Marchetti ha raccontato la propria passione e mostrato le miniature scenografiche realizzate dal padre, comunicando ai presenti come il presepio abbia assunto via via carattere popolare fino a diventare oggetto domestico e rito familiare.

A proposito quindi il coro, nei costumi della tradizione popolare.

Natale zeneize

A-i primmi de dixembre, o cheu o comensa a sprmise
e natmosfera magica a ne fa sent figeu.
Natale, Natale, a l' a festa di picn.
Natale, Natale, o l nascio o Banbn.

A ne p, Zena, de seia, un prezepio co-a muxica:
pasto, pgotte, ngei che van verso o Segn.
Natale, Natale, a l a festa de lam.
Natale, Natale, o l nascio o Segn.

A luxe da Lanterna, comme a Cometa, a dmina:
co-a coa cha ga a lilumina e barche di pescoi.
Natale, Natale, a luxe da bont.
Natale Natale o ne da-a feliit.

Lidea che unisce ogni presepio in ogni modo la rappresentazione della comunit di fronte allEvento: una comunit che sfila, assiste, reca doni, presente di fronte alla stalla nelle sue varie e simboliche figure. Le nostre figure simboliche si sono concretizzate nelle statuine ai lati del palcoscenico, realizzate con estro artistico da Ivonne Migliori, e in personaggi viventi.

Le figure presentate appartengono alla cultura popolare del Genovesato, legata alla caccia e alla pesca, alla pastorizia e allagricoltura, allartigianato e al commercio.

  P.L. De Fraia - M. Brescia

La caccia, la pesca e la raccolta furono le prime attivit di sopravvivenza per luomo.

Nelle nostre montagne la caccia ha sempre avuto un ruolo importante, anche per le condizioni naturali: la Liguria la regione pi boscosa dItalia.

Inoltre il cacciatore difende la comunit dai predatori e procura la carne, cibo pregiato.

Possiamo considerarlo il simbolo della forza giovanile e dellaggressivit vitale: affronta sfide e difficolt, si confronta con lanimale selvatico. Per questo imbraccia il fucile.

Il cacciatore porta con s il cane, che lanimale addomesticato e fedele, lopposto dellanimale selvatico.

Nel nostro presepio il cacciatore, o caciu, ha simboleggiato la persona pronta.

Ma lumanit debole.
Non sempre conferma i buoni propositi.
Non sempre vero ci che appare ... come recita la poesia

O caciu e o l
Un caciu, de quelli tali / spanpanoin originali
che a sentli discor / ento levri n fto mo,
n pigiu mille pernixi / (finn-a un lvo pe-i barbixi)
...ma pe-o ci tornan a caza / co-a bizacca e a testa raza,
o perdie o s can da caccia / ne-o pass da erta maccia
dove aveiva a tann-a o l. / Questo gran milantant
privu do s brasso drito / o rest desperso e aflto
ma o pens de vendiclo /con erc o l pe amaslo,
che o laveiva ancon speransa / de pigigou dinta pansa.
O gh ritornu ingiarmu / de pistolle e sciabbra armu
co-in spingardo pe scciupetta / un grandelmo pe beretta
co-in p deuggi, e un andamento / da fa cazze da-o spavento.
O scontr un past pe-a strada / o se misse a f caladda
e o ghe disse in ton ardo / Dove o sta de caza o l?
Ghe sei giusto propio a to / - ghe rispose o bon past
O sta la, da quello fen. / O conoscio, e l provu
da-i gren b cho m mangiu! / ivou la, giusto che o ven ...

O Caciu presto o se ga / e de vedde o l vegn,
fito e arme o caccia via. / - Ah, mo ca! - O se misse a d.
E corindo i stramblon / o scapp, che o scappa ancon.

MORALE. Se conosce in congiuntua / o coraggio co-a bravua.

  B. Mantero

Il pescatore il simbolo del porticciolo.

Si occupa della barca e degli attrezzi per la pesca.

Si divide tra mare e spiaggia, tra mare e famiglia.

taciturno, pensieroso, ingegnoso. Il mare imprevedibile.

Il pescatore attento, pratico, esperto.

abituato al silenzio, alla fatica, alla lotta quotidiana.

Conosce e rispetta il mare.

Nel nostro presepio il pescatore, o pescu, ha simboleggiato la persona preparata.

La figura stata introdotta dal canto

Se ti vegni o m Gioaneta, mi te porto a barchez
feua do porto, in sci barchetta, a respi laia do m.
Ti vedi i bastimenti, co-e barchette li amugi
e i pescoi li a bordo, atenti, co-e seu braghe redogi,
a ti sci, ogni momento, musai, pagai, boghe eugi
ti vedi, co-o cheu contento, a cant e ti sci e r.
ti vegni, no ti vegni ... h Gioaneta dimme de sci.

cui seguito

Adeste Fideles in genovese

O mondo o sadescia
co-a luxe da Cometa
e i ngei che cantan: L chi o Segn.
Sci, vegn, gente, cantemmo tutti insemme:
O l nascio inta paggia, o l nascio pe noiatri,
o l vegno da-o ... pe portne lam

Na stalla a l a caza
do Cristo Redent:
fra i pvei ci pvei o l nascio o Segn.
O l chi pe dne che semmo tutti pgi.
pe dne che samemmo, che fr into mondo semmo,
pe dne che a seu vitta a noiatri o l donu.

  P.L. De Fraia M. Medicina T. Camorani

In tutti i presepi ci sono i pastori: si muovono verso la grotta. Sono loro che portano i primi doni a Ges Bambino.

Il pastore vive con le pecore, le accompagna e le cura.

riflessivo: deve prendere le decisioni da solo.

attento: deve guardarsi dai pericoli da solo.

deciso: unindecisione potrebbe disperdere il gregge.

Si muove e si adatta: in montagna destate, a valle dinverno.

Nel nostro presepio il pastore, o past, ha simboleggiato la persona responsabile.

Una recitazione ha introdotto allora il canto corale

O mondo o sadescia
Lea na neutte, freida e scua, tiava un vento a ci no d.
Za da neive a nea vegnua ... e a ne voeiva ancon vegn!
Inta stalla sean reti i pasto, pe no sent
quello freido e, li acoeg, comensavan a dorm.
Intra drento, tutasemme, un che o luxe comme o s:
Cor o dixe a Betlemme perch gh nascio o Segn!

O mondo o sadescia
co-a luxe da Cometa
e i ngei che cantan: L chi o Segn.
Sci, vegn, gente, cantemmo tutti insemme:
O l nascio inta paggia, o l nascio pe noiatri,
o l vegno da-o ... pe portne lam

Na stalla a l a caza
do Cristo Redent:
fra i pvei ci pvei o l nascio o Segn.
O l chi pe dne che semmo tutti pgi.
pe dne che samemmo, che fr into mondo semmo,
pe dne che a seu vitta a noiatri o l donu.

ed continuata.

Quelli, mezo adormigi, stavan li comme mincion.
Ma un, ci vegio ...
Sei alo慔 o ghe dixe- ... sei ptron?
Presto, aloa, st sci in p!
Piggia o lte, ti, Bepin. E o formaggio, Bertom!
E na pegoa, ti Tognin!
Bacci, ti va da-a com
e ti Zane, va da-a mo...
Berto, ti da-a Madon.
Ma asbrive ... e camin!
Noiatri, intanto, se naniemo
a trov presto o Segn.
Queste cse ghe portiemo
e ... de latro portian l.
Dito fto, sincamin-an co-i atri pe-a cianua:
no dan a mente a-o vento e a brinn-a
e a-a seiann-a freida e scua...
Doppo fto do camin, da-a lontan vedan lux
e di canti, con di son, de li a un p ghe p de sent...
Fan ci fito ... E aloa arivan a na stalla deru:
ghea de nuvie che a crovivan e ghea i ngei li a cant.
Inta grepia ghea o Banbin ...
Ma cse stagga-a d! Se un prezepio ami un pitin
megio as poriei cap.

iniziato allora il canto di ninna nanna della Madonna al Figlio

Ninna nanna, stanni queto; am cao no fa o sapin
Sra i euggi, dormi angioeto, fa nan Santo Banbin.
Figgio bello do Segn, dormi finch spunte o s.
Angeo bello da mam, nan, nan.
Sta chi a-o cado inta teu chinn-a, comme un xeln da no:
ninna nanna, nanna ninna, respiemmo o teu respio.
Ti, t o Santo m Banbin, t do mondo t o destin: tutto quello che vegni ...
nan, nan.

Fin dallantichit in Liguria si distinguono unarea montana e collinare, con uneconomia pastorale e contadina, e unarea costiera, con uneconomia marinara.

P. Massa P.L. Gardella  

La professoressa Paola Massa, illustre esperto genovese di storia economica, ci ha parlato delleconomia ligure di sussistenza, precedente alla prima rivoluzione industriale, dove i popolani passavano da un mestiere ad un altro, senza schemi fissi, ma adattandosi alle necessit e soprattutto alle difficolt di un ripido territorio affacciato sul mare e coltivato a fasce.

Le fasce liguri sono davvero famose in tutto il mondo. Il terrazzamento ha origini antichissime e in Liguria ebbe la massima diffusione tra il Settecento e lOttocento, con la coltivazione della vite e dellulivo. Pier Luigi Gardella, giornalista scrittore di storia e cultura rivierasca, ci ha parlato delle colline terrazzate del Golfo Paradiso e in particolare di Punta Chiappa, confrontando passato e presente con originali osservazioni storico geografiche.

La contadina genovese il simbolo della fascia costiera, terrazzata da secoli con un lavoro tenace e faticoso, per strappare un po di terra alla montagna, per sfruttare il clima mite dove non c pianura.

La contadina legata alla terra e alla famiglia. La terra bisogna coltivarla con costanza. La famiglia bisogna mantenerla sana e in concordia, col lavoro e laffetto.

La contadina legata alle tradizioni e custodisce conoscenze antiche. la depositaria della cultura agricola: prudente, parsimoniosa e saggia. Ma anche il perno della vita sociale: organizza la vita della famiglia.

Nel nostro presepio la contadina, a contadnn-a, ha simboleggiato la persona impegnata ed ha cantato

E son vegna da Seravalle, fin da luned pasu:
me fan m tutte e m spalle, me fan m tutte e m spalle.
E son vegna da Seravalle fin da luned pasu:
me fan m tutte e m spalle da-e gren legne ch portu.
E n portu da crnabggia, n portu na quantit:
a l rba cha se sfregoggia, a l rba cha se sfregoggia.
E n portu da crnabggia, n portu na quantit:
a l' rba cha se sfregoggia, no poscio f i m din.
Ma co-o lte-e a prescinseua mi so-anta into mercu
Cornigen e Sampednn-a, Cornigen e Sampednn-a
Ma co-o lte-e a prescinseua mi so-anta into mercu
e cosc vixin a-a mnn-a qualche franco l gognu.

Tognetin, sci, femmo paxe, che i teu pesci l acat:
me l missi inta cavagna, me l missi inta cavagna
Tognetin, sci, femmo paxe, che i teu pesci l acat:
me l missi inta cavagna ... ma o mignin o se l mangi.

antica usanza che i bambini apprendano in famiglia i lavori artigianali.

Il falegname tramanda il mestiere ai figli. Il figlio segue il padre nel lavoro, ne affascinato e impara la professione.

Lartigiano un maestro appassionato e capace, molto considerato.

Nel nostro presepio il falegname, o banc, ha simboleggiato la persona creativa.

Ed il coro ha cantato una fantasia di ritornelli popolari.

Se co me ne vegnisse de n tcco de mog
de figge citadinn-e no ne vori fra i p.
Pe paixi e pe montagne me ne vorieiva and;
na bella paisantta me ne vori trov.
Risposta coro
Balla ben Zntta, balla ben in sci pru.
Tite sci a rbtta, no te st a sporc
che teu po o l un galantmmo o no te ne peu acat.
Solista
Se ti foisci a m galante, te portieiva a lAcaseua
Se a barchetta a foise veua, te portieiva a barchez
Risposta coro
Fla bal cha l quella de peie,
fla bal che de peie a ghe n,
unn-a corba sotta-o letto, latra ascosa da-o scs.
Fla bal, fla bal, fla bal che de peie a ghe n.
Tutti
Emmo vinto na battaggia, lemmo vinta in sci gia
e i tedeschi co-a banda, lemmo missi a prion.
Vegn a quattro a quattro, sciben che ghei o bacco,
vegn a eutto a eutto, sciben che ghei o scceuppo;
vegn a sezze, a sezze, ve tiemo de corezze,
vegn a sezze a sezze, ve tiemo de corezze.
h Bacicin vtene a c, h Bacicin vtene a c,
h Bacicin vtene a c, teu mo a taspeta.
A t lasciu o lumme inta sc, a t lasciou o lumme inta sc,
a t lasciou o lumme inta sc e a porta averta.

  A. De Marini

Una tipica statuina del presepio genovese il mendicante zoppo. La realt dei poveri, dei deboli e dei bisognosi, era molto evidente nella Genova del Seicento, popolata da un gran numero di mendicanti. Ma chi erano questi mendicanti? La dottoressa Annamaria de Marini, studioso specializzato sulla storia della nostra citt e delle sue antiche istituzioni, ha delineato e spiegato le figure sociali dei senza lavoro, dei piccoli delinquenti, dei sofferenti, degli emarginati e dei disadattati nella Citt del XVII secolo. Allora la tradizione assistenziale divent un problema di ordine pubblico, fortemente compromesso dal fenomeno della povert dilagante, che la Repubblica affront con la fabbricazione dellAlbergo dei Poveri.

  F. Bampi

Il presidente de A Compagna, professor Franco Bampi, grande divulgatore della cultura genovese, ha concluso gli interventi parlandoci dellistituzione dellAlbergo dei Poveri in Genova e del benefattore genovese Emanuele Brignole.

Nelle comunit antiche era ben conosciuta la figura del mendicante. Poteva essere il povero senza lavoro, il menomato, il migrante. Il mendicante poteva essere chiunque senza mezzi e senza assistenza. stata cos rappresentata una donna mendicante, sola, senza mezzi e senza lavoro, costretta a dipendere dallelemosina, che cerca, chiede, vagabonda. Ci ha ricordato la precariet dei bisognosi, con le difficolt del presente o il peso del passato, con il buio sul futuro.

  M. Medicina

Nel nostro presepio la mendicante, a pvia, ha simboleggiato la persona indifesa, con il canto

O nostro po

Pe ti, pe-o nostro po
che t vegnuo da-o
santifichemmo o teu nomme
che no sasmorte o lumme de lam!
Solo pe ti, Segn,
voemo f rie e cianze sta cit,
cha segge senpre fta a teu voent,
solo pe ti Segn...

Fanni che questo pan
o ghe segge ancheu e doman
e ascrdite e mancanse
perch inta vitta son solo e speranse
che ne fan soport
dese pecato ma poeise riscat
perch ne basta solo o teu sorizo
pe gogn o Paradizo.

E, cao Segn, mi te domando ancon
de caci via da noiatri a tentaion
e comme un po de dne ancon na man
e o m tegn lontan...
E, se ti veu, de dne senpre a man
e o m tegn lontan.
Danne, Segn, a teu forsa pe lot
e, se ne tentan, fanne regord
che solo ti ti d a feliit;
h cao Segn, da-o
che solo in ti ghemmo a feliit,
h cao Segn into .

Come le nostre favole ci insegnano, la figura del re per tradizione lautorit, fatta di potere e di sapienza.

Il re capo supremo e governa sul popolo. Al re spettano le decisioni. Dalla saggezza e dalla giustizia delle sue decisioni dipende il benessere dei sudditi e la pace.

Ma il Re Magio di pi: lo studioso dei fenomeni celesti, i pi misteriosi e difficili da comprendere. E insieme re e sommo sapiente. Il sapiente d un senso alle attivit dei s udditi.

Esercita la scienza e il potere per il bene comune.

calmo e controllato. Sa scegliere.

Nel nostro presepio il Re Magio, o R Mggio, ha simboleggiato la persona autorevole e il coro ha offerto a tutti gli auguri natalizi.

C. Marchetti   Pubblico

Dormi Banbin, dormi Segn, conta a fa de lam.
Canta PAXE e stelle do , canta PAXE e onde do m,
canta PAXE i ommi, che son con ti pe sun.
Dormi Banbin, dormi Segn, conta a fa de lam.
E canpann-e descoran pe-o , e comete demoan i figeu,
tutto o mondo o l in festa, pe-a festa do Creat,
tutto mondo o l in festa, pe-a festa do Redent.

Fine

Gruppo Zena Antiga
Alessandro Armanino   Musicista
Mauro Brescia   Attore e cantante
Titti Camorani   Cantante
Pier Luigi De Fraia   Attore
Bruno Mantero   Cantante
Milena Medicina   Attrice e cantante
Maria Pia Ponte   Cantante
Angelo Rebagliati  

Sceneggiatura e presentazione
Marcella Rossi Patrone

Canti sceneggiati
Gruppo Zena Antiga,
a cura di Milena Medicina

Narrazione
Andrea Patrone

Relatori
Massimo Angelini,Carla Marchetti, Paola Massa, Pierluigi Gardella, Annamaria De Marini, Franco Bampi

Regia
Milena Medicina e Andrea Patrone

Statuine
Ivonne Migliori

[ Indietro ]